Localizzazione di software specifici: videogiochi, applicativi per la medicina e gestionali

Localización de videojuegos en traducción

Dopo avervi parlato del funzionamento della localizzazione di software, questa settimana mi vorrei soffermare sulle peculiarità di alcune tipologie di software che richiedono approcci e funzionalità specifici.

Per quanto riguarda i videogiochi, questo mercato ha caratteristiche diverse rispetto ai software generici soprattutto a causa del suo ciclo di vita brevissimo e della sua quasi illimitata diversità; infatti, in questo settore, i generi sono parecchi e spaziano dai giochi d’avventura all’edutainment ma, anche all’interno della stessa tipologia, esistono molte differenze legate alla tematica e alla struttura di ogni applicativo. Per questa ragione i traduttori devono documentarsi rispetto all’argomento di ogni programma, in modo da utilizzare una terminologia specifica oltre ad un tono adeguato alla situazione.

L’aggiornamento dei localizzatori però non riguarda solo il lessico: infatti, dato che i videogame sfruttano in genere le più innovative tecnologie, necessitano così di personale sempre al corrente delle ultime novità. Inoltre è fondamentale conoscere approfonditamente la cultura del Paese di destinazione, perché potrebbe essere necessario eliminare espressioni troppo violente oppure riprodurre giochi di parole e battute; la traduzione diventa così un’operazione estremamente complessa, poiché ai problemi connessi all’uso del gergo si aggiungono quelli tipici del doppiaggio.

 

translation and localization in games

I traduttori devono documentarsi rispetto all’argomento di ogni programma, in modo da utilizzare una terminologia specifica oltre ad un tono adeguato alla situazione.

La questione culturale coinvolge perfino la fase di progettazione del software stesso, poiché anche le storie raccontate devono essere adatte al Paese d’arrivo; la culturalizzazione della storia e dei personaggi è infatti fondamentale per il successo del prodotto, come dimostrano le differenze fra il mercato occidentale e quello orientale. Infine la conoscenza del pubblico determina una diversa progettazione dei livelli di difficoltà degli applicativi: il livello di partenza dei videogiochi è spesso più basso per un prodotto venduto in Giappone rispetto a uno venduto in altri Paesi, poiché il pubblico nipponico è composto in gran parte da bambini e ragazzi. Dal punto di vista tecnico, è fondamentale gestire in maniera efficiente l’uso degli strumenti di input e scegliere con attenzione le piattaforme che possano supportare l’uso del videogioco; inoltre, per quanto riguarda i test, questi software necessitano di prove addizionali rispetto ai programmi generali, soprattutto tese a verificare il funzionamento delle tecnologie avanzate su piattaforme meno recenti. Per approfondire il tema della localizzazione dei videogiochi rimando a questa bibliografia, mentre tra i corsi introduttivi sul  tema suggerisco quello organizzato da Traduversia.

La culturalizzazione della storia e dei personaggi è infatti fondamentale per il successo del prodotto, come dimostrano le differenze fra il mercato occidentale e quello orientale.

I programmi per il campo medico sono invece peculiari non tanto per il fatto che presentino un ciclo di globalizzazione peculiare, ma perché funzionano su sistemi informatici personalizzati; infatti, non utilizzando sempre comuni PC, il settore della localizzazione si trova ad affrontare una grande sfida, cioè adattarsi a nuovi strumenti. Inoltre bisogna considerare che questi software, essendo utilizzati nell’ambito medico, si impiegano in un settore critico che richiede affidabilità e precisione; perciò è chiaro che, una volta uscito sul mercato, il prodotto, a differenza di applicativi generici che puntano su un ciclo di sviluppo breve per proporsi sul mercato velocemente e spesso correggono i bug successivamente, non deve contenere nessun tipo di errore. Ne consegue l’importanza del processo di revisione dell’applicativo, non solo di quello localizzato; infatti in questo settore è necessario verificare la conformità del prodotto rispetto alle norme di ogni Paese, anche di quello di partenza. Per approfondire il tema della localizzazione in campo medico rimando all’articolo di Andres Heuberger.

video-games translation

Infine, i gestionali richiedono un diverso approccio al problema della localizzazione rispetto ai software generici; i gestionali sono utilizzati prevalentemente in ambito aziendale per rendere più efficienti determinate attività. Quest’ambito è fonte di grande reddito per le principali aziende del settore, quali SAB e Siebel Systems. Per quanto riguarda la localizzazione, il problema centrale è che bisogna cambiare il punto di vista stesso della localizzazione: non basta modificare impostazioni regionali e tradurre l’applicazione, ma è necessario analizzare in maniera approfondita i processi aziendali locali; infatti solo conoscendo in dettaglio le attività e le necessità specifiche, si può sviluppare la versione localizzata di un’applicazione globale.

Avete localizzato qualche software che vi ha dato problemi particolari? Raccontateci la vostra esperienza nei commenti! A presto!

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

Create a website or blog at WordPress.com

Subir ↑

foraladacolau

Welcome to your new home on WordPress.com

Pasar la palabra

Blog sobre las vivencias de un traductor autónomo por René Fdez.

Translator Mentoring Blog

Sharing ideas about, experience with and insights into the business of translation

Ana Basanta Libros

Literatura de viajes, crónicas periodísticas y narrativa

Neolosfera

Cada dia, una paraula nova

Tranix Translation & Proof-Editing Services

Words are my business and I want to make them work for you

Gabriela Quiaro

Traducción, literatura, ortografía , idiomas.

Traducción, comunicación y redes sociales | ismaelpardo.com

Traducción, comunicación y redes sociales

T2

A blog on Translation & Technology (T2) by Celia Rico

El blog de Fabio

Baluarte literario y cultural

andreaere

Exu mató un pájaro ayer con la piedra que tiró hoy

Transit/TermStar NXT Tooltips

Tips and tricks for translators, terminologists and project managers

Habla italiano

¡Es fácil, es divertido, es gratis!

Un millón de españoles

El blog de Joaquín Calvo Basarán

A %d blogueros les gusta esto: