Localizzazione di guide in linea: Windows Help, HTML Help e file Readme

localización y traducción

Avrete notato che qualsiasi software sul vostro computer include la cosiddetta “guida in linea”, spesso una delle componenti più voluminose nel processo di localizzazione, poiché ha ormai sostituito interi manuali. La scelta di questo tipo di strumento ha infatti molti vantaggi rispetto all’uso di materiale stampato:

  • accesso istantaneo;
  • navigazione rapida;
  • presenza di elementi multimediali come animazioni o suoni;
  • facilità di aggiornamento;
  • possibilità di effettuare ricerche nell’intero testo;
  • risparmio sui costi di stampa.

Per questi e altri motivi, l’uso delle guide in linea è ormai fortemente diffuso, ma la loro localizzazione è un’operazione complessa che dipende dal formato; infatti esistono diverse tipologie di help, ad esempio:

  • Windows Help (oggi abbastanza superato, ormai sostituito dall’HTML Help a partire da Windows 98);
  • HTML Help;
  • file Leggimi o Readme.

Talvolta, quando i progetti di localizzazione non hanno budget importanti, la guida in linea viene addirittura tralasciata e mantenuta in lingua inglese.

Per quanto riguarda le modalità traduttive, bisogna ricordare che è fondamentale rispettare la terminologia e lo stile del cliente, oltre a mantenere coerenza tra l’interfaccia dell’applicazione e la guida; infatti quest’ultima deve rispettare fedelmente il lessico del software e, se la localizzazione del programma non è ancora stata completata, bisogna attenderne il termine prima di tradurla in modo disomogeneo. In genere, le guide in linea sono generate da una serie di file sorgenti che vengono compilati costituendo così un unico file binario; i file sorgenti in genere includono:

  • file che contengono testo e formattazione;
  • file di immagini;
  • file multimediali;
  • file che includono le caratteristiche grafiche.

Windows Help

Un Winhelp è costituito da una finestra che permette di accedere a tre diverse aree:

  • sommario che indica gli argomenti della guida;
  • indice che presenta un elenco di parole chiave;
  • trova che permette di effettuare una ricerca.

Inoltre, sono spesso presenti dei rimandi ad altre sezioni individuabili tramite la sottolineatura delle parole e definizioni di alcuni termini riconoscibili grazie a una sottolineatura non continua. Nel caso di Winhelp i file sorgenti sono RTF per il testo e BMP per le immagini che, una volta compilati, generano un file con estensione HLP, le cui impostazioni si ottengono dal project file HPJ; nel caso di Winhelp 4.x è presente anche il file CNT nel quale si trovano tutti gli argomenti del sommario. La traduzione vera e propria riguarda i file RTF, mentre qualche modifica è necessaria per i file HPJ e CNT. I file RTF vengono tradotti utilizzando un qualsiasi editor che supporti questo formato.

HTML Help

Questo tipo di guida in linea è certamente quello più diffuso nel sistema operativo Windows e necessita di un programma chiamato HTML Help Viewer per utilizzarla; si basa sull’HTML cioè HyperText Markup Language, lo stesso linguaggio utilizzato per le pagine Web e, per questa ragione, la localizzazione di queste guide è molto utile per farsi un’idea iniziale della localizzazione nel WWW. Dal punto di vista strutturale, la guida basata sull’HTML non è molto diversa da Winhelp 4.x: alcune funzionalità sono state potenziate, ma l’unica differenza saliente riguarda la visualizzazione in parallelo del sommario a sinistra e delle voci corrispondenti a destra. Le vere differenze tra le due tipologie riguardano i formati dei file: il file sorgente è in HTML, con immagini GIF o JPG, file di progetto HHP e così via. Se nel caso di Winhelp la parte più consistente di traduzione riguardava il file RTF, qui il testo si trova nel file HTML; tuttavia, si ricordino gli altri file che necessitano di piccoli interventi, come HHP (file di progetto), HHC (file del sommario) e HHK (file dell’indice). La localizzazione del file HTML non è un’operazione complessa: se si conoscono le basi del linguaggio, infatti, non servono comandi specifici per rimandi o note. Per quanto riguarda i file HHP bisogna tradurre i titoli delle finestre, i nomi dei bottoni e il testo delle finestre pop-up; nel file HHC e HHK bisogna tradurre solo le parole che formeranno sommario e indice. Tuttavia bisogna sottolineare che per la localizzazione di guide in linea basate sull’HTML si usano molto spesso applicazioni specifiche che permettono di gestire attraverso una semplice interfaccia tutti gli elementi da tradurre; a questo proposito l’applicazione più nota nel settore è HTML Help Workshop.

I file Leggimi

Infine ci sono i cosiddetti Readme file o Leggimi che contengono le modifiche dell’ultimo minuto che probabilmente non erano disponibili al momento della creazione di manuali e guide. Questi file sono testuali nel formato TXT, per cui la traduzione non presenta nessuna problematica tecnica; una peculiarità di questi file riguarda la localizzazione del nome stesso del file, possibilmente rispettando gli standard in uso che prevedono:

  • inglese: readme.txt;
  • francese: lisezmoi.txt;
  • italiano: leggimi.txt;
  • tedesco: liesmich.txt;
  • spagnolo: leame.txt.

Di recente si stanno inoltre diffondendo sempre più le cosiddette guide via web che permettono di accedere direttamente alla sezione di aiuto (help) sul sito Web del fornitore del software. Per la localizzazione di queste guide vale quindi quanto detto per la localizzazione di pagine Web e il testo nella localizzazione di pagine web (entrambi in spagnolo).

Nel prossimo appuntamento parleremo di localizzazione della documentazione, vi aspetto!

Anuncios

2 thoughts on “Localizzazione di guide in linea: Windows Help, HTML Help e file Readme

  1. Oye, disculpa pero ¿por qué este artículo está en italiano y no en español? Si este es un blog dirigido a público hispano parlante no entiendo porque no va acompañado de la traducción al castellano correspondiente.

    Me gusta

    • ¡Hola Carlos!

      Desde el principio, la idea del blog era que fuese bilingüe: español e italiano. Esta entrada es de una de nuestras autoras colaboradoras: Chiara Zanardelli, especialista en localización. Más tarde, surgió la idea de publicar en inglés también y, a estas alturas, nos hemos convertido en ¡trilingües! Este es un blog dirigido a un público de varias culturas, no solo a la hispanoparlante. Espero que puedas sacarle partido a las propuestas que vamos publicando periódicamente.

      Gracias por tu tiempo, comentarios e impresiones. Saludos y buen fin de semana,
      Olga 🙂

      Me gusta

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s